Come pulire i gioielli in argento come un professionista

Con il tempo, gli accessori e i gioielli, compresi quelli in argento, si anneriscono in modo apparentemente irreversibile. Tuttavia, questo non è del tutto vero, perché oggi vi diamo alcuni consigli per imparare a pulire i vostri gioielli in argento come un professionista e farli tornare come nuovi.

Perché i gioielli in argento diventano neri?

Per sua natura, l’argento si annerisce con il passare del tempo perché, per via della sua composizione chimica, quando entra in contatto con l’idrogeno solforato presente nell’aria, si scurisce. Si tratta della produzione di solfuro d’argento sulla superficie del metallo, anche se molte persone credono erroneamente che questo sia dovuto all’ossidazione dell’accessorio e si sono fatte ingannare.

Quali sono le cause dell’appannamento dei gioielli in argento?

La semplice esposizione all’aria fa sì che gli accessori in argento finiscano per annerirsi, ma ci sono alcuni fattori che accelerano questo processo. Ad esempio, il cloro, la candeggina, il sudore e il pH della nostra pelle, le creme o i prodotti per il corpo, i profumi e l’esposizione al sole sono alcuni degli elementi che accelerano lo scurimento dell’argento.

Come pulire i gioielli in argento a casa?

Esistono diversi metodi che permettono di pulire i gioielli in argento e di recuperare la lucentezza che hanno perso nel tempo. I più efficienti sono i seguenti:

Vedi anche  Come pulire i marmi in modo naturale

Pulizia dell’argento con il detergente

Prima di ricorrere a qualsiasi altro metodo per rimuovere lo sporco dai gioielli in argento, è necessario pulirli con un detergente. Per farlo sono necessari: una ciotola che possa contenere i gioielli, un foglio di alluminio e un cucchiaio di detersivo.

Il primo passo è versare l’acqua calda nella ciotola e aggiungere il pezzo di alluminio, quindi aggiungere il cucchiaio di detersivo e mescolare fino a creare una schiuma. Dopodiché, bisogna immergere i gioielli da pulire e lasciarli in ammollo per almeno 5 minuti. In questo modo, il foglio di alluminio farà aderire gli ioni di zolfo che hanno annerito l’argento.

Una volta terminato il tempo di ammollo, togliete i gioielli dal contenitore e, mentre scolano, strofinateli con una spugna per rimuovere lo sporco o il grasso che potrebbe esservi rimasto attaccato. Infine, è sufficiente pulirli con acqua pulita e asciugarli molto bene con un asciugamano.

Pulire i gioielli d’argento con il bicarbonato di sodio

Questo è uno dei metodi più utilizzati per far brillare i gioielli in argento e per realizzarlo sono necessari: una ciotola, un foglio di alluminio e due cucchiai di bicarbonato di sodio, a seconda della quantità di gioielli che si intende pulire.

Per prima cosa, bisogna scaldare l’acqua fino a portarla quasi a ebollizione e, nel frattempo, si può coprire l’interno della ciotola con un foglio di alluminio. Se si preferisce, si può anche fare a pezzi la carta stagnola e aggiungerla all’interno della ciotola insieme all’acqua già calda.

Quindi, aggiungere i cucchiai di bicarbonato di sodio e mescolare un po’, quindi immergere i gioielli che si intende pulire. Lasciare in ammollo per almeno 5 minuti e, trascorso questo tempo, rimuovere i gioielli e sciacquarli con abbondante acqua pulita, preferibilmente tiepida. Dopo l’asciugatura, i gioielli in argento saranno puliti e brillanti.

Vedi anche  Come eliminare la muffa dalle pareti

Pulire i gioielli in argento con l’aceto

Quando si vogliono pulire gioielli in argento che sono diventati opachi, cioè non troppo anneriti, l’aceto è lo strumento migliore. Per usarlo come un professionista avrete bisogno di una ciotola e di aceto. È sufficiente mettere i gioielli nella ciotola e coprirli con l’aceto, mescolando di tanto in tanto con un utensile di legno o di plastica.

Dopo un’ora di ammollo, toglietele dall’aceto e sciacquatele con abbondante acqua fredda. Lasciateli asciugare naturalmente e i vostri gioielli saranno puliti.

Pulire i gioielli d’argento con bicarbonato e aceto

Per rendere ancora più efficace la pulizia dei gioielli in argento, si combinano le proprietà dell’aceto e del bicarbonato di sodio. Vi serviranno una ciotola, una tazza di aceto e due cucchiai di bicarbonato di sodio.

Bisogna mescolare molto bene l’aceto con il bicarbonato di sodio e poi immergere i gioielli d’argento che si intende pulire. Lasciate i gioielli in ammollo per due ore e poi sciacquateli con acqua fredda. Una volta asciugati, senza usare un asciugamano, saranno come nuovi.

Pulire i gioielli d’argento con limone e sale

Per sua natura, il limone ha proprietà che possono essere utilizzate per la pulizia e, insieme al sale, sono ideali per pulire i gioielli in argento come un professionista. Per farlo sono necessari: una ciotola, acqua, due limoni e due cucchiai di sale.

Il primo passo è estrarre tutto il succo dai limoni e metterlo da parte. A questo punto, prendete la metà di uno dei limoni che avete spremuto e, con la parte interna rivolta verso l’alto, aggiungeteci una notevole quantità di sale. Usate questo pezzo di limone per strofinare l’intera superficie del gioiello d’argento che state per pulire.

Vedi anche  Come pulire la lingua del neonato

Dopo aver strofinato bene l’argento, bisogna immergerlo in una ciotola in cui si è precedentemente aggiunta acqua calda, il succo estratto dai limoni e un cucchiaio di sale. Lasciatele in ammollo per 10 minuti e sciacquatele con acqua fredda; una volta asciugate con un panno, saranno completamente pulite.

Rate this post

Antonella Lanotte

Io sono un'appassionata di cura e pulizia. Mi piace leggere articoli sulla cura della casa e della salute, e sono anche una grande fan dello shopping e dei prodotti di bellezza. Amo trovare soluzioni pratiche che possano aiutare le persone a mantenere un ambiente più sano e organizzato. Sono sempre alla ricerca di nuove idee e tendenze nel mondo della pulizia e della cura. Amo scoprire nuovi metodi di pulizia e di cura degli oggetti che sono più sani per l'ambiente. 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Volver arriba